Extraterrestre ≠ Extradimensionale

Spread the love

Qualche riflessione sulla derivazione dei cosiddetti alieni e una parentesi per trarre alcune distinzioni all’interno del fenomeno UFO, considerando che extraterrestre è diverso da extradimensionale. Si allega in fondo l’articolo della tecnologia E.T. in campo militare, per sottolineare che la parte relativa agli UFO in questo articolo non entra nel dettaglio dei cosiddetti UFO di origine terrestre, ma si limita ad elencare casi differenti sui parametri fisici che possono escludere un caso terrestre da uno alieno, basandosi sulle leggi fisiche.

Secondo la popolare ipotesi extraterrestre, gli UFO sono “veicoli spaziali di qualcun altro”. La terra sarebbe presumibilmente visitata da esseri di altri sistemi solari che stanno effettuando un’indagine sul nostro pianeta e sui suoi abitanti. Esistono varie obiezioni sollevate a questa ipotesi.(1)

La possibilità che ci siano numerose civiltà intelligenti nella nostra galassia è ora ampiamente accettata. Il progetto SETI sta cercando di rilevare la loro presenza analizzando i segnali radio dallo spazio. Alcuni scienziati, tuttavia, sostengono che le civiltà aliene devono essere molto rare o addirittura inesistenti, perché se così fosse come comunemente creduto, la terra avrebbe dovuto essere stata visitata già da molti di loro; questo filone esclude a priori che su tutta la totalità, neanche un UFO sia extraterrestre.

A chi sostiene che gli alieni siano già qui viene spesso chiesto perché i visitatori non atterrano sul prato della Casa Bianca. Una possibile risposta è che hanno buon senso! Altri sostengono che non è necessario perché gli alieni hanno già stretto un accordo segreto con le autorità. Un argomento più comune è che gli alieni obbediscono a una “direttiva primaria” per non interferire negli affari terrestri, anche se questo è chiaramente contraddetto dall’enorme impatto che il fenomeno UFO ha avuto sulla società umana negli ultimi 50 anni, se non negli ultimi millenni.

Esistono ostacoli che impediscono alle forme di vita umane di sopravvivere a un viaggio attraverso lo spazio interstellare o intergalattico; tuttavia, è sostenuto che gli UFO non possono provenire da un altro sistema solare perché le enormi distanze coinvolte sono proibitive. Con la nostra tecnologia attuale è possibile raggiungere un’altra stella, anche se ci vorranno diverse generazioni prima che ciò accada concretamente. Inoltre, alcune civiltà aliene avrebbero potuto sviluppare tecnologie molto più avanzate rispetto a quelle sulla terra. E anche se la teoria della relatività standard vieta viaggi più veloci della luce, in realtà potrebbe non essere così. Così come le onde sonore non possono spingere un oggetto a velocità supersoniche, così le forze elettromagnetiche non possono accelerare gli oggetti a velocità superluminali. Ciò che il controllo della gravità può ottenere, invece, resta da vedere.

Un’altra obiezione all’ipotesi ET è che è altamente improbabile che forme di vita intelligenti su altri pianeti siano di aspetto umanoide e mostrino emozioni umane. Altri non sono d’accordo e sostengono che, dal momento che la forma umana di base è altamente funzionale ed efficiente, potrebbe essere abbastanza comune tale forma nell’universo. * Si ipotizza anche che gli extraterrestri possano aver giocato un ruolo fondamentale nell’ingegneria genetica della razza umana, o che abbiano modificato geneticamente sé stessi per rendersi più umani – anche se, date le loro apparenze piuttosto “aliene”, il tentativo non sembrerebbe essere riuscito completamente. Un’obiezione più forte è che è improbabile che esseri intelligenti provenienti da altri pianeti possano adattarsi alla nostra stessa gravità o possano respirare la nostra stessa atmosfera.

* Secondo la teosofia, ogni sole maturo ha una famiglia di pianeti, e regni corrispondenti a quelli sulla terra si evolveranno su ogni pianeta, anche se in qualsiasi momento solo un regno è dominante su ciascuno dei 12 globi (situati su sette diversi piani cosmici) creando una “catena planetaria” completa. I regni “umani” sui sette “pianeti sacri” del nostro sistema solare (cioè quelli più strettamente collegati alla terra) si dice che approssimano in qualche misura la nostra stessa forma.(2)

Non siamo nella posizione di escludere del tutto la possibilità che la terra sia stata o venga visitata da una o più razze umane extraterrestri. Tuttavia, si stima che ci siano stati più di un milione di atterraggi di UFO nell’ultimo mezzo secolo – un numero che supera di gran lunga i requisiti per un’indagine sofisticata del nostro pianeta.(3) Inoltre, una singola sonda piccola orbitante a 1000 miglia sopra la terra sarebbe in grado di catturare in poche settimane la maggior parte dei fatti importanti sulla geografia, il clima, la vegetazione e la cultura del pianeta.

Un altro grosso problema che si trova di fronte all’ipotesi ET è l’incredibile diversità degli UFO e dei loro occupanti. È realistico pensare che dozzine o anche centinaia di razze extraterrestri stiano visitando la terra simultaneamente? Un ulteriore problema è il comportamento spesso strano delle entità UFO. Molti sono stati segnalati per apparire e scomparire improvvisamente e fluttuare nell’aria. Inoltre, è difficile credere che gli extraterrestri abbiano viaggiato in questo modo per fare le cose strane che i testimoni hanno descritto: questi includono rincorrere auto e aerei, persone terrificanti, parlare di sciocchezze, raccogliere campioni di suolo e roccia, rapire e violare persone. I nostri visitatori “extraterrestri” sono anche noti per rapimenti di coniglio, come illustra il caso seguente.

Il 14 novembre 1954, a Isola, in Italia, un contadino vide vicino a sé un oggetto luminoso a forma di sigaro. Tre piccoli esseri in tute subacquee metallizzate scesero e concentrarono la loro attenzione sui conigli in una gabbia mentre parlavano l’un l’altro in una lingua sconosciuta. Pensando che avrebbero rubato gli animali, il contadino puntò un fucile contro gli intrusi, ma non riuscì a sparare e il testimone si sentì improvvisamente così debole da dover lasciare cadere la pistola. Gli esseri hanno preso i conigli e la navicella è partita, lasciando una scia luminosa. L’agricoltore si è quindi ritrovato in grado di muoversi.(4)

Se adottiamo l’ipotesi ET, anche i rapimenti alieni sono completamente assurdi. Gli alieni – presumibilmente – hanno una scienza che permette loro di attraversare anni luce di spazio aereo che sovraperformano i nostri migliori caccia a reazione. Eppure – apparentemente – sono dei dottori così poveri che non sono in grado di prelevare sangue, raccogliere sperma e ovuli o prelevare campioni di tessuto dai pazienti senza lasciare cicatrici e infliggendo dolore e traumi. Come dice Jacques Vallée, “Gli ufonauti dovrebbero tornare alla facoltà di medicina” . L’affermazione di alcuni ricercatori su rapimenti che gli alieni potrebbero aver già rapito diversi milioni di americani ha del grottesco. E poiché alcuni addotti affermano di essere stati rapiti decine di volte, è strano che nessuno abbia notato il traffico UFO sulle città americane che questo comporterebbe. È anche curioso che gli alieni preferiscano rapire gli americani della classe media bianca mentre ignorano in gran parte il resto del mondo!(5)

Dal momento che gli alieni possono passare attraverso i solidi, perché si limitano a razziare una banca del sangue, una banca del seme e una collezione di embrioni in un importante laboratorio di ricerca? In effetti, il materiale genetico recuperato da soli due adulti sarebbe sufficiente per creare centinaia se non migliaia di ibridi in un laboratorio. Inoltre, i presunti tentativi degli alieni di erigere blocchi mentali nelle menti delle vittime sono così patetici che persino un ipnotizzatore dilettante può sfondarli, mentre ci sono farmaci disponibili sulla terra che potrebbero fare il lavoro molto più efficientemente.

Altri comportamenti incompatibili con l’ipotesi che gli alieni siano membri di una sofisticata civiltà extraterrestre sono le mutilazioni animali – un fenomeno che molti credenti ET preferiscono ignorare o escludere.(6) In questi incidenti inquietanti, le carcasse ritrovate di animali, di solito bovini, sono state rinvenute con organi vitali mancanti come gli occhi, le lingue, le mammelle, i genitali o il retto, spesso rimossi con “precisione chirurgica”. In molti casi il sangue è stato completamente scaricato dall’animale, senza tracce sul terreno circostante. A volte il bestiame sembra essere stato sollevato a un’altezza dal suolo e poi distrutto da una caduta.

Tali incidenti sono diventati di primo piano alla fine degli anni ’60 e sono stati segnalati in Messico, Panama, Porto Rico, Brasile, Europa, Isole Canarie e Australia, oltre che negli Stati Uniti. Alcune mutilazioni potrebbero essere il lavoro di predatori di animali, ma questi ultimi non producono tagli lunghi e puliti del tipo visto su alcuni animali mutilati. E il numero di incidenti sembra essere troppo alto perché solo le sette sataniche siano responsabili. La mancanza di impronte o tracce di predatori compromette anche queste spiegazioni.

Inoltre, in alcune occasioni sono state osservate strane luci e UFO sulla scena. Nel 1983, una coppia nel Missouri osservò attraverso il binocolo mentre due piccoli esseri argentati in qualche modo paralizzarono una mucca nera e poi la fecero levitare dal pascolo e in una nave a forma di cono e scomparirono.(7) A volte si vedono elicotteri misteriosi che appaiono come illusioni; due di loro sono visti occasionalmente volare con i loro rotori ingranati insieme come motoslitte! Chiaramente le mutilazioni sugli animali devono essere opera di forze molto negative. Alcuni appassionati di ET ammettono che certi alieni possono essere mal disposti verso gli umani – oltre che verso le mucche.

Jacques Vallee è un oppositore dell’ipotesi ET e sostiene l’interpretazione “intradimensionale”, “interdimensionale”, “transdimensionale” o “universo parallelo” degli UFO. Sostiene che dal momento che gli UFO sono stati visti da tempo immemorabile e che le entità “aliene” si sono sempre comportate in modo simile, è irragionevole supporre che debbano essere visitatori extraterrestri. La spiegazione ET, egli dice, “è troppo semplice per spiegare la diversità del comportamento riportato dagli occupanti e le loro interazioni percepite con gli esseri umani”. (8) Scrive:

[A] L’UFO è sia un’entità fisica con massa, inerzia, volume e parametri fisici che possiamo misurare, che una finestra in un’altra realtà. … [T] non ha bisogno necessariamente di rappresentare una visita dai visitatori dello spazio, ma qualcosa di ancora più interessante: una finestra verso le dimensioni non scoperte del nostro ambiente.

Il fenomeno ha caratteristiche stabili e invariate … Ma abbiamo anche dovuto notare con attenzione il carattere camaleontico degli attributi secondari degli avvistamenti: le forme degli oggetti, le apparenze dei loro occupanti e le loro dichiarazioni riportate variano in funzione dell’ambiente culturale in cui sono proiettati.

Gli UFO sono manifestazioni fisiche che non possono semplicemente essere capite a parte la loro realtà psichica e simbolica.(9)

Gli schemi di incontri ravvicinati, contatti e rapimenti non sono specifici del nostro secolo, contrariamente a quanto hanno ipotizzato la maggior parte degli ufologi americani. In effetti, è difficile trovare una cultura che non abbia una tradizione di piccole persone che volano nel cielo e rapiscono gli umani. Spesso portano le loro vittime in ambienti sferici che sono illuminati in modo uniforme e li sottopongono a varie prove che includono operazioni su organi interni e viaggi astrali su paesaggi sconosciuti. L’interazione sessuale o genetica è un tema comunemente raccontato in questo folklore (ossia la conoscenza diffusa ed interpretata).
Propongo di considerare il fenomeno UFO come una manifestazione fisica di una forma di coscienza che è estranea agli umani ma che è in grado di coesistere con noi sulla terra.

[T] Il fenomeno UFO è in grado di agire sulle menti degli esseri umani, per indurre pensieri e immagini simili a quelli descritti da persone che hanno avuto esperienze di pre-morte o extracorporee e persino testimonianza medievali di demoni ed elfi.(10)
Dire che gli alieni emergono da altre “dimensioni” solleva la questione di quale tipo di “dimensioni” ci si riferisce. Oggigiorno è molto di moda per i fisici speculare su dimensioni aggiuntive. La teoria M, ad esempio, postula sette dimensioni spaziali aggiuntive, che si dice siano arrotolate così fittamente e piccole (10-33 cm) da non essere rilevabili. Ma queste sono solo astrazioni matematiche per le quali non c’è uno straccio di prova. Certamente non assomigliano agli altri piani di sostanza energetica di cui si parla nella tradizione occulta. Questi piani, che sono al di fuori della nostra gamma di percezione, compenetrano il nostro mondo fisico e si dice che siano abitati da una varietà di entità. È interessante notare che gli stessi scienziati che fantasticano sulle “dimensioni” extra respingono altresì ogni discorso sui fenomeni paranormali e ultraterreni.

Nel suo senso più ampio, una “dimensione” è una quantità misurabile. Gli esempi sono lunghezza, larghezza e altezza, comunemente chiamate dimensioni “spaziali”. Altre dimensioni sono temperatura, massa, carica, tempo, ecc. Se si dice che le entità vivono in altre “dimensioni”, una domanda ovvia è: quante dimensioni spaziali hanno queste altre “dimensioni”? Alcuni ricercatori parlano effettivamente di un universo parallelo tridimensionale esistente in una “dimensione” superiore. Ciò dimostra chiaramente che la parola “dimensione” viene utilizzata in diversi sensi. È quindi meglio parlare di altri mondi (invisibili), regni, piani ecc. che di altre dimensioni. Inoltre, il buon senso impone che nessuna entità o nessun oggetto, su qualsiasi piano, possa avere meno di tre dimensioni spaziali; né c’è motivo di supporre che possano averne più di tre.

Vallee sembra avere grande fiducia nelle attuali speculazioni “scientifiche” sul fatto che lo spazio può essere “piegato” in modo che sia possibile viaggiare dal punto A al punto B quasi istantaneamente attraverso un “wormhole” la cui lunghezza è solo una frazione della distanza tra A e B. Altrettanto imprecisa è l’affermazione secondo cui gli alieni non potevano provenire solo da “qualsiasi luogo” ma anche da “qualsiasi momento” – passato, presente o futuro! Non c’è nulla che suggerisca che il viaggio nel futuro certo sia qualcosa di più della fantascienza.

Tutto ciò che accade è parte di una sequenza di eventi collegati da causa ed effetto; la successione di causa ed effetto definisce la direzione del tempo. Tutto ciò che sta realmente accadendo sta accadendo ora. Una volta che qualcosa è accaduto, appartiene al passato ed esiste solo come una registrazione impressa nella sostanza della natura. È impossibile tornare al passato attuale, ma i registri degli eventi passati possono essere visti in modo chiaroveggente da quelli con i necessari poteri occulti. È ugualmente impossibile per noi visitare il futuro reale o per gli esseri del futuro visitarci, poiché il futuro, per definizione, non è ancora avvenuto. Tuttavia, poiché il futuro si sviluppa dalle cause presenti (e passate), è prefigurato nel presente, ed è quindi possibile vedere chiaroveggentemente il futuro che è più probabile in un dato momento.

Un sostenitore della teoria del viaggio nel tempo è Illobrand von Ludwiger, il quale sostiene che gli UFO “sono visitatori del nostro futuro e svolgono il compito di ringiovanire il loro ceppo genetico incrociandosi con gli umani” .(11) Uno dei pezzi di “prove” che presenta a favore del viaggio nel tempo è che un caporale in Cile ha sviluppato una barba di cinque giorni durante un’assenza di soli 20 minuti. Questo dovrebbe dimostrare che ha viaggiato nel futuro e indietro – assumendo naturalmente che le barbe continuano a crescere quando si spostano indietro nel tempo! Chiaramente, tali argomenti rasentano l’idiozia.

Vallee afferma che “il fenomeno UFO è uno dei modi attraverso i quali una forma aliena di intelligenza di incredibile complessità comunica con noi simbolicamente”, e che i fenomeni paranormali come gli UFO sono una delle manifestazioni di un “sistema di controllo spirituale per la coscienza umana” . (12) Osservazioni come questa fanno sembrare che gli eventi UFO siano orchestrati da un’unica, sovrastante, intelligenza “aliena”, benché strettamente connessa con la terra. Tuttavia, la varietà di manifestazioni UFO suggerisce che tali fenomeni coinvolgono una vasta gamma di entità diverse, dal demoniaco e subumano allo spirituale e sovrumano.
Alcuni ricercatori hanno proposto che la realtà alternativa da cui derivano gli UFO sia il regno immaginario, un campo di pensiero planetario creato e sostenuto dal potere dell’immaginazione umana. Kenneth Ring ipotizza che gli UFO possano essere proiettati da questo regno e che gli incontri di UFO abbiano in parte luogo in esso. Allo stesso modo, Michael Grosso propone che tutte le apparizioni paranormali con una dimensione pubblica o quasi-fisica – ad es. di UFO, alieni, figure religiose come la Vergine Maria, fate, demoni o animali mostruosi – potrebbero essere forme pensiero – telepaticamente generate dalle menti collettive del subconscio delle persone di una comunità o di una cultura. Entrambi i ricercatori credono che ci sia anche una sorta di agenzia extramondana, “un Oz di proporzioni cosmiche” o “Overmind planetario”, al lavoro, che aiuta a orchestrare esperienze straordinarie.(13)

Sicuramente sembra dubbio che gli umani comuni abbiano il potere di chiamare oggetti volanti che possono riflettere radar, cacciare aerei a reazione e interferire con le auto. Come dice Richard Thompson, “Se l’immaginazione umana ha così tanto potere, allora perché i tipici mostri dei film di fantascienza non si materializzano nelle città americane?”.(14) I modi in cui si manifesta il fenomeno UFO sembrano essere collegati al mondo delle umane credenze e della loro immaginazione, ma anche il fenomeno sembra avere una sua dinamica. Il “regno immaginario” è quindi meglio concepito come una mente collettiva che contiene ma trascende le menti individuali, e come un mondo transfisico che interagisce con il mondo fisico – in altre parole, come il regno astrale della tradizione occulta. In particolare, i fenomeni UFO potrebbero comportare temporanee manifestazioni fisiche di forme mutevoli, forme elementali di energia e forme pensiero o altre entità astrali, che si materializzano e smaterializzano spontaneamente o le cui manifestazioni sono in parte dirette da altre intelligenze.
Il fenomeno UFO solleva domande importanti: cosa determina il luogo e il tempo delle manifestazioni UFO, la forma che assumono e chi le assiste? Sono stati fatti diversi tentativi per spiegare i tempi delle onde UFO. Di certo non possono essere imputati all’interesse dei media: gli studi dimostrano che un aumento dei rapporti sugli UFO genera una maggiore copertura mediatica, piuttosto che il contrario. I debunkers predissero che l’uscita del film Incontri ravvicinati del terzo tipo nel 1977 avrebbe generato un’importante falda – ma non accadde mai. Sono stati fatti tentativi per correlare i lembi UFO con disordini sociali, tensioni politiche e crisi militari. Un ricercatore vede una certa corrispondenza tra i lembi UFO negli Stati Uniti e periodi in cui l’autostima nazionale si trovava a un bassi livelli.(15) Tuttavia, nessuna ipotesi sul fattore singolo è assolutamente convincente; un’intera costellazione di fattori personali, regionali, nazionali e globali potrebbe essere coinvolta. Solo qualcuno con una profonda comprensione del mondo astrale e della sua interazione con il nostro mondo fisico e dello sfondo karmico dei testimoni potrebbe identificare tutte le cause in ogni caso particolare.

Tra vari UFO. Capire i parametri fisici.

Gli UFO sono disponibili in un’incredibile varietà di forme e dimensioni, e ci sono pochissimi casi in cui UFO assolutamente identici sono stati avvistati in modo indipendente in luoghi diversi. Sono stati segnalati UFO a forma di manubri, cappelli e lavatoi, così come macchine che volano in aria con le ali in movimento. Ma molti appassionati di UFO preferiscono ignorare rapporti non conformi alla loro concezione di ciò che dovrebbe essere l’astronave extraterrestre.

Possono essere distinti otto tipi principali di UFO: (16)
1. Forme di luce, comprese sfere, raggi, colonne e coni di luce e formazioni o matrici di luce che non sembrano essere attaccate a un oggetto. La stragrande maggioranza degli avvistamenti UFO non vede coinvolto nient’altro che luci brillanti, per lo più visti di notte.
2. UFO sferici, di dimensioni variabili da una palla a una casa.
3. UFO discoidali o a forma di disco: il disco volante “classico”. Queste sono sempre state una delle forme di UFO più frequentemente riportate. Possono essere a cupola, alettati o altrimenti attrezzati.
4. UFO ellittici, ovali o ovoidali. Spesso mancano caratteristiche esteriori.
5. UFO cilindrici o sigariformi. Le loro estremità possono essere rastremate o coniche o talvolta appiattite. Alcuni producono una distintiva “scia di vapore”.
6. UFO rettangolari, ovvero oggetti con angoli quadrati. Possono essere piccoli come un “tappeto volante” o grandi come una portaerei. Sono visti raramente, e sono in gran parte un fenomeno sudamericano.
7. Gli UFO triangolari erano rari nei primi tempi dell’era moderna degli UFO, ma diventarono molto numerosi alla fine degli anni ’80. Includono oggetti a forma di punta, a forma di diamante e a forma di cono, oltre a ali volanti o “boomerang”.
8. UFO mutaforma. Modificano la forma nel tempo in modi che non possono essere attribuiti all’angolo di percezione e mettono in dubbio la natura puramente fisica del fenomeno.

In termini di dimensioni, gli UFO spaziano da piccole sfere di luce di pochi pollici di diametro a giganteschi oggetti volanti a forma di ali o triangoli grandi come campi da calcio. Il classico disco volante è da 35 a 50 piedi (da 10 a 15 m).
Gli UFO a volte vengono visti entrare o emergere dall’acqua. Ci sono rapporti secondo cui gli oggetti sottomarini non identificati (USO) servono a seguire sottomarini sovietici, a volte anticipando le loro manovre, e sono stati sospettati di essere dispositivi americani. In un’occasione, un rompighiaccio sovietico si stava facendo strada nell’Oceano Artico quando un brillante mezzo sferico irruppe improvvisamente nel ghiaccio e volò verticalmente, facendo piovere la nave con frammenti di ghiaccio. E ‘stato visto da tutti i marinai e gli ufficiali sul ponte.(17)

Va tenuto presente che gli umani non sono molto bravi nel ricordare accuratamente ciò che hanno visto. Ad un pubblico televisivo è stata mostrata un’immagine falsa di un disco volante abbastanza “classico” per 15 secondi, quindi è stato chiesto di disegnare ciò che avevano visto. I risultati sono stati straordinari: sono tornate 50 immagini totalmente diverse e quasi del tutto inaccurate. Un’immagine era un cerchio con quattro enormi ali che si irradiavano da esso.(18) Poiché gli UFO sono ampiamente considerati astronavi aliene, una zona scura sfuocata potrebbe facilmente essere interpretata come un oblò e l’ombreggiatura scura sottostante potrebbe essere interpretata come carrello di atterraggio. Le meteore, per la maggior parte, o le palle di fuoco sono talvolta segnalate come aventi ‘finestre’.

Gli UFO sono “solidi” fino in fondo o contengono un compartimento di qualche tipo. La maggior parte delle descrizioni degli interni degli UFO proviene dagli addotti, che nella maggior parte dei casi probabilmente non riportano un’esperienza fisica oggettiva. In ogni caso, uno studio su 150 rapporti di abduction ha trovato tabelle menzionate nel 39%, schermi per computer / TV nel 13%, computer nel 12%, sedie nell’8%, banconi o scaffali nel 7%, armadi nel 7% e panchine nel 4%. Gli interni degli UFO ordinati descrivevano un suono piuttosto antisettico e non vissuto, anche se l’addetto Whitley Strieber ricordava di aver visto vestiti sporchi ammucchiati in un angolo della stanza in cui si era trovato una volta.(19)
È interessante notare come gli animali reagiscono agli UFO. Di solito i cani non li amano intensamente; possono abbaiare, ululare o schiumare, e alcuni si rannicchiano nel terrore quando si tratta di un oggetto. I gatti sibilano e sputano, le pecore fuggono precipitosamente, i cavalli si sollevano, le mucche si sdraiano e gli uccelli smettono di cantare. Queste reazioni sono talvolta suscitate prima che gli umani siano consapevoli di qualcosa di insolito. In alcuni casi gli animali possono essere agitati da suoni acuti o radiazioni a microonde, oppure possono semplicemente percepire la presenza di qualcosa di sconosciuto e spaventoso. La maggior parte delle reazioni sembra essere temporanea, ma alcune persistono. I bovini possono rifiutarsi per diversi giorni di essere radunati nei paddock su cui sono stati visti gli UFO a librarsi, e in un caso un cane che ha annusato in un sito di atterraggio lo ha fatto scappare.(20)

In un altro caso, un uomo e sua moglie furono svegliati dai loro tre cani da guardia che abbaiavano, ringhiavano e si comportavano in modo molto agitato. I cani tiravano le loro catene verso una zona boschiva a est. Ma quando furono slegati non si sono mossi, anche se il loro proprietario li aveva comandati di andare. Guardavano verso l’area boschiva, ringhiavano e poi si allontanavano. L’uomo e sua moglie videro poi un brillante lampo di luce proveniente dalla zona boscosa, e il mattino dopo trovarono un ‘luogo di atterraggio’.(21)

Secondo l ‘”ipotesi psicosociale”, gli UFO sono fenomeni puramente psicologici plasmati da credenze socioculturali. Questa teoria è chiaramente inadeguata poiché gli UFO hanno spesso effetti fisici e lasciano tracce fisiche.(22) Molti UFO che sono stati osservati visivamente sono stati osservati anche sul radar, (23) sebbene la maggior parte non si mostri sul radar. A volte gli UFO vengono osservati, al contrario, sul radar, ma non sono visti visivamente. È risaputo che molte condizioni atmosferiche possono generare falsi echi radar, ma è improbabile che ciò tenga conto di tutti gli “obiettivi non correlati”. Le registrazioni radar mostrano che gli oggetti sconosciuti spesso seguono percorsi erratici, improvvisamente scompaiono da un punto e appaiono in un altro, e subiscono improvvise e estreme variazioni di altitudine e velocità.(24)
Nel corso dei decenni, decine di fotografie, videocassette e segmenti di film che mostrano oggetti sconosciuti nel cielo sono stati studiati da scienziati e analisti fotografici addestrati. Anche se ci sono stati molti imbrogli, ci sono anche molte fotografie, film e videocassette che sembrano autentici e coerenti con ciò che i testimoni affermano di aver visto.(25)

Fig. 1. Una cornice del film di 8 mm di George Adamski alla presenza di Madeleine Rodeffer e di altri tre testimoni a Silver Spring, Maryland, nel febbraio 1965. Il fisico ottico William Sherwood suggerì che l’apparente distorsione vista in questa e in altre cornici poteva essere causata da un potente campo gravitazionale. I critici ritengono che l’oggetto sia un modello.(26)

Il 3 agosto 1965, l’ingegnere autostradale Rex Heflin portò una serie di 4 foto Polaroid di una imbarcazione argentata vicino a Santa Ana, in California. Per un periodo di circa due minuti l’imbarcazione si spostò verso est, “oscillando” leggermente, guadagnando lentamente quota, quindi aumentando più rapidamente la sua velocità e la sua altezza, lasciandosi dietro un anello di vapore fumoso. Diversi scienziati e altri ricercatori hanno lanciato uno sforzo totale per studiare le foto. Nel settembre del 1965 due uomini in abiti civili, che affermavano di appartenere alla Difesa dell’America del Nord, vennero a casa di Heflin e “prestarono” tre delle foto originali. Le foto non sono mai state restituite e i due visitatori non sono mai stati rintracciati. Tuttavia, le copie delle foto rubate hanno continuato ad essere analizzate. Erano considerati probabilmente genuini anche se rimanevano dei dubbi. Poi un giorno, nel 1993, Heflin ricevette una telefonata da una donna che gli chiedeva se avesse di recente controllato la sua casella di posta e poi suonò. Mezz’ora dopo ha chiamato di nuovo e ha fatto la stessa domanda. Dopo la prima telefonata, Heflin ha trovato la sua casella di posta vuota, ma dopo il secondo ha trovato una busta semplice e senza contrassegni contenente le tre foto perse. Le foto sono state poi rianalizzate utilizzando l’avanzatissimo miglioramento del computer e l’analisi ha supportato la loro autenticità.(27)
In un incidente al White Sands Proving Ground, un razzo V2 stava per essere sparato quando due oggetti, da 2 a 3 piedi di diametro, scesero, girarono intorno al V2 diverse volte, e risalirono, svanendo nel cielo. La troupe ha usato tutto il loro film sugli UFO e il volo V2 è stato cancellato mentre ricaricarono le loro telecamere. Il 17 luglio 1957 un aeromobile RB-47 fu seguito da un oggetto luminoso e altamente manovrabile per circa 1,5 ore, su una distanza di oltre 700 miglia, mentre volava dal Mississippi all’Oklahoma. L’oggetto è stato, in varie occasioni, visto visivamente dall’equipaggio della cabina di pilotaggio come una luce intensamente luminosa, seguito da radar di terra, e rilevato su apparecchiature elettroniche di contromisure (ECM) sull’aereo. Il caso riguardava diverse istanze di apparizioni e sparizioni simultanee su tutti e tre i “canali “.(28)

Gli UFO spesso – ma non sempre – causano lo stallo dei motori delle auto, blackout e altri disturbi elettromagnetici, come le bussole rotanti. Curiosamente, non un singolo caso di stallo del veicolo ha mai provocato un grave incidente. Gli sbarchi lasciano spesso tracce di terreno, descritte come di forma circolare, ovale o irregolare. La vegetazione nelle tracce può essere bruciata, pressata o disidratata, e spesso ci sono segni simmetricamente disposti che suggeriscono impronte del carrello di atterraggio.
Uno degli episodi meglio documentati si verificò l’8 gennaio 1981 quando un uomo che lavorava nel suo giardino a Trans-en-Provence, in Francia, riferì di aver assistito allo sbarco di una navicella a forma di due piattini capovolti, uno contro l’altro. L’oggetto è stato appoggiato a terra per un breve periodo prima di volare via. Ha lasciato tracce, impressioni e altre prove che indicano la presenza di un grande veicolo. Un’indagine approfondita è stata condotta dall’agenzia ufficiale francese di monitoraggio UFO, GEPAN, che ha prelevato campioni di suolo, foglie e piante e li ha fatti analizzare dai laboratori governativi. Nel 1983, in una monografia scientifica di 66 pagine sul caso, GEPAN osservò che le foglie avevano inspiegabilmente perso dal 30 al 50% della loro clorofilla e si erano invecchiate bruscamente in modi che non potevano essere replicati in laboratorio. C’era evidenza di un ‘evento importante che portava con sé deformazioni del terreno causate da massa, meccanica, effetto di riscaldamento e forse certe trasformazioni e tracce di depositi minerali [fosfato e zinco]’. Concluse che questi effetti potevano essere meglio spiegati da una potente emissione di microonde possibilmente pulsate.(29)

Ci sono rare segnalazioni di UFO che espellono metallo fuso e campioni fisici che vengono ritrovati in un luogo dopo un avvistamento. L’analisi di tali campioni ha identificato vari elementi terrestri come l’alluminio, lo stagno, il magnesio e il silicio, oltre al petrolio, ma non è emersa alcuna prova di origine sicuramente ultraterrena(30). Esistono molti casi ben documentati di un filamento splendente – tipo di materiale chiamato ‘capelli d’angelo’ – che cade dal cielo in associazione ad avvistamenti UFO. Ci sono foto di persone che lo gestiscono, e un chimico che ha esaminato un campione al microscopio lo ha descritto come “cotone radioattivo e pesantemente danneggiato”. Di solito “evapora” abbastanza rapidamente.(31) Ci sono anche molti resoconti che associano gli avvistamenti di oggetti aerei a cadute di materiale gelatinoso traslucido o trasparente, che evapora rapidamente. Questo materiale, a volte chiamato “pwdre ser” o “star jelly”, è stato segnalato per secoli. Un suggerimento è che potrebbe essere escrementi o altri residui da insolite forme di vita atmosferica.(32)
Ci sono numerose segnalazioni di testimoni UFO che soffrono di effetti fisici avversi, come vertigini, mal di testa, paralisi, intorpidimento, affaticamento, nausea, diarrea, perdita di peso, irritazione degli occhi, eruzioni cutanee pruriginose, ustioni e altri effetti simili alle radiazioni. Per esempio, una mattina del 1973, un camionista americano notò che il suo impianto di rimorchio per trattori veniva sorpassato da un oggetto luminoso a forma di rapa, largo all’incirca come un’autostrada a due corsie. Quando si sporse dalla finestra, fu colpito in faccia da un “lampo di fuoco rosso” che lo accecò, sciogliendo parzialmente i suoi occhiali. I suoi occhiali erano spumeggiati come se il filo all’interno dei telai fosse stato riscaldato dalle radiazioni a microonde, causando la fusione della plastica intorno a sé. Fu ricoverato in ospedale con una grave riduzione della vista in entrambi gli occhi, ma la recuperò in tre settimane.(33)

Nel luglio del 1975, un contadino spagnolo stava lavorando i suoi campi sul suo trattore quando vide un oggetto distante circa 20 metri appena sopra il terreno. Era un cilindro metallico con una cupola a forma di sombrero in cima e un sostegno a forma di V sul fondo. Arrivò a 10 piedi dall’oggetto e sentì un sibilo assordante. Mentre girava, questo emetteva un raggio di luce che colpiva l’uomo e il suo trattore, perforandolo con un foro perfettamente circolare nello specchietto retrovisore. Il contadino si allontanò rapidamente. Morì anni dopo, dopo aver sofferto di numerosi disturbi che cominciarono ad affliggerlo da quel momento in poi.(34)

In Brasile ci sono state molte segnalazioni di UFO rettangolari (soprannominati “chupas”) che sparano ‘fasci’ sulle persone di notte, causando spesso ferite gravi e talvolta fatali. In molti di questi incidenti le vittime erano cacciatori che, a loro volta, venivano cacciati. In un caso ben documentato un uomo era stordito e accecato dopo essere stato colpito da un raggio di luce; la sua carne cominciò a staccarsi dalle sue ossa, e morì sei ore dopo. Molte delle lesioni riportate in questi casi sono coerenti con gli effetti delle microonde ad alta potenza, anche se questo non spiega i piccoli segni di puntura che si trovano talvolta nella pelle. Anche gli scontri militari con gli UFO hanno provocato vittime. Per esempio, il 23 novembre 1953, un jet militare fu sradicato dalla base aerea di Kinross nel Michigan per inseguire un oggetto non identificato. L’aereo è stato rintracciato sul radar mentre si è fuso con l’obiettivo sul Lago Superiore. Entrambi gli oggetti sono quindi scomparsi dallo schermo. Nonostante una ricerca intensiva, nessun relitto o corpo è mai stato trovato.(35)
Dati tutti i vari effetti fisici riportati e il frequente interesse degli UFO per gli aerei e le installazioni militari e nucleari, non sorprende che alcuni militari considerino gli UFO come veicoli spaziali fisici che rappresentano una potenziale minaccia alla sicurezza. Né è sorprendente che debbano voler saperne di più sul loro sistema di propulsione, che sembra essere molto al di là delle capacità della nostra attuale tecnologia. Gli oggetti che Kenneth Arnold avvistò nel 1947 si muovevano a circa 2100 km all’ora, ma da allora sono state segnalate velocità fino a 35.000 km all’ora o più. La maggior parte degli UFO non ha mezzi di propulsione visibili, anche se a volte lasciano una scia luminosa. Di solito sono silenziosi durante il funzionamento, se visti a distanza o da vicino. Nei casi in cui è udibile un suono, di solito viene descritto come un ronzio costante, a bassa frequenza o un bip acuto e ripetitivo. Sono stati segnalati anche sibili, lamenti, fischi, ruggenti e rumori esplosivi.

Gli UFO sono spesso osservati seguire un percorso a zigzag improvviso rispetto a una linea retta o una traiettoria dolcemente curva. Un UFO sospeso che scende verso il terreno fa spesso un movimento a “caduta di foglie” o di pendolo, comportando un leggero dondolio da un lato all’altro. Oltre ad essere in grado di librarsi silenziosamente, gli UFO sono stati visti subire incredibili accelerazioni e decelerazioni e compiere virate di 90°, che avrebbero distrutto gli aerei convenzionali – e i loro piloti -. Durante gli incontri miliari con gli UFO in Belgio nel 1990, è stato osservato un UFO mentre raggiungeva una straordinaria accelerazione di 40 g. Ciò causerebbe la morte immediata dei piloti umani, che non possono resistere a più di circa 8 g. Se questo fosse stato un velivolo convenzionale, non solo ci sarebbe stato un boom supersonico ma, data la bassa altitudine e la velocità, molte finestre sarebbero state distrutte.(36) Non ci sono in effetti resoconti di boom sonori prodotti dagli UFO nel volo supersonico (più di 1225 km all’ora).

Se gli UFO fossero ordinari mezzi fisici, per impedire a manovre come quelle descritte sopra di produrre massicce forze G o dovrebbero essere resi senza massa, o dovrebbe essere usata qualche forma o propulsione antigravitazionale, in modo che qualsiasi accelerazione o decelerazione viene impartita a tutte le molecole della struttura contemporaneamente.
Questa conclusione è supportata da Paul Hill, un ex ingegnere aeronautico della NASA. Ha notato che gli UFO tendono a stare in piedi per librarsi, inclinarsi in avanti per avanzare, inclinare all’indietro per fermarsi e fare un giro per girare. Tale movimento è incoerente con i normali requisiti aerodinamici, ma è coerente con una qualche forma di propulsione repulsiva del campo di forza, che a suo avviso probabilmente implica un campo di annullamento della gravità. Questo potrebbe spiegare perché gli UFO causano lo stallo dei veicoli, la rottura di rami degli alberi, la rimozione di tegole dai tetti, la deviazione di oggetti e il disturbo dell’acqua. Permetterebbe agli occupanti di un aereo di sopravvivere a un volo supersonico estremo senza boom sonici e eliminerebbe ogni significativo riscaldamento aerodinamico. Inoltre, una guaina di plasma di molecole d’aria ionizzata ed eccitata circonderebbe l’imbarcazione e ne influenzerebbe i colori durante le varie fasi del suo volo: rosso e arancio durante il volo e movimenti lenti, blu e bianco o prima delle alte velocità – oltre che quanto sono nitidi o sfocati i suoi bordi durante la notte.(37)

Per quanto riguarda le prestazioni di volo, alcuni UFO potrebbero quindi essere navicelle fisiche che utilizzano la tecnologia antigravitazionale. Dovrebbe essere notato, tuttavia, che gli UFO a volte hanno design strani, non aerodinamici, pannelli apparentemente rivettati, e alcuni sono stati visti per emettere fuoco, fumo e vapore! Gli UFO non devono essere affatto un normale veicolo fisico, e piuttosto che essere spinti da una tecnologia fisica avanzata che fa uso di forze fisiche convenzionali, possono essere spinti da forze parafisiche e paranormali.

Alcuni UFO potrebbero essere creature viventi (o “creature”) piuttosto che veicoli spaziali e possedere un potere naturale di volo usando la propria energia vitale (vedi la prossima sezione). Trevor Constable sostiene che sia le creature che le imbarcazioni potrebbero emergere nella nostra realtà fisica dai regni eterici ed essere alimentati dall’energia eterica. Wilhelm Reich (che morì nel 1957) chiamò questa energia “orgone” e dimostrò la sua esistenza sperimentalmente. Constable sostiene che le proprietà note dell’energia orgonica possono spiegare molti dei fenomeni associati agli UFO.(38)
Quando i segnali elettromagnetici si propagano attraverso l’etere, sono indeboliti in proporzione al quadrato della distanza percorsa. Se un UFO è circondato da un’alta concentrazione di orgone, ciò potrebbe spiegare guasti di alimentazione ed interferenze elettromagnetiche. I plasmi creati dai campi rotanti attorno all’artide potrebbero spiegare i rapporti di UFO che subiscono bruciature. Gli esperimenti indicano che il contatto umano con un’alta concentrazione di orgone eliminerebbe la propria bioenergia, causando intorpidimento o addirittura perdita di conoscenza. L’energia orgonica potrebbe anche spiegare la cecità temporanea nei testimoni e il bruciore, l’abbronzatura e l’arrossamento della pelle.

Il seguente avvistamento ha avuto luogo a Pelotas, in Brasile, il 5 ottobre 1996. L’uomo d’affari Haraldo Westendorf, un abile addestratore che non credeva negli UFO, individuò un enorme oggetto scuro a forma di cono, alto circa 225 piedi e largo 325. Per un periodo di 15 minuti ha girato per tre volte, una volta avvicinandosi al suo piccolo aereo entro 130 piedi. Poi notò un buco sulla parte superiore che prima era arrotondata.

Ne è uscito un classico oggetto a forma di piattino, con un diametro di circa 9 metri (9 piedi), che ha accelerato a circa 10 Mach (cioè 10 volte la velocità del suono). Westendorf stava per sorvolare la parte superiore della “nave madre”, ma cambiò idea quando iniziò a ruotare più rapidamente e sparò raggi di luce rossa dalla sua cima. L’oggetto è poi sparito a tutta velocità, e Westendorf all’inizio pensò che l’onda d’urto risultante avrebbe potuto farlo precipitare.

Tuttavia, non ha mai sentito alcuna turbolenza – il che suggerisce che non era un normale oggetto fisico. L’intero episodio è stato assistito da tre controllori del traffico aereo a terra e da numerose altre persone sulla spiaggia di Pelotas, ma il centro radar del governo del sistema di difesa aerea a Curitiba non ha mai catturato l’oggetto misterioso sui loro schermi radar.

Il seguente incontro ravvicinato sembra implicare un oggetto fisicamente tangibile (almeno temporaneamente) e non solo fisicamente visibile. Il 14 giugno 1968 Isidro Puentes Ventura, un riservista dell’esercito cubano, stava di guardia da solo quando vide una luce bianca dietro alcuni alberi e andò a indagare. Si trovò a 150 piedi da un oggetto appoggiato a terra e lo osservò per 10 minuti. Era rotondo, con una cupola e una serie di “antenne” in cima. Nonostante la sua strana forma e la sua insolita luminosità, pensò che potesse essere un elicottero americano e iniziò a sparargli. Aveva sparato circa 40 colpi quando l’imbarcazione divenne arancione cominciando ad emettere un forte fischio. Poi ha perso conoscenza. Alle cinque e venti di mezzanotte si udirono diversi colpi di mitragliatrice provenienti dalla posizione di Puente. Fu trovato svenuto all’alba e portato in ospedale; non fu in grado di parlare per sei giorni e rimase scioccato per altri sette anni. Gli investigatori hanno trovato 48 bossoli sparati con mitragliatrice e 14 proiettili appiattiti dall’impatto contro oggetti metallici estremamente duri. Una depressione era visibile nel terreno, con un foro centrale di 3 piedi di diametro e tre piccole rientranze attorno ad esso, che indica la presenza di un oggetto molto pesante. Il radar cubano aveva rilevato un oggetto non identificato che svanì in mezzo a un tremendo rumore elettronico. Entro un raggio di 15 piedi il terreno del sito era calcinato e coperto di polvere grigia simile a cenere; l’analisi ha confermato che era stato applicato un alto grado di calore.(39)

Il caso seguente coinvolge un UFO mutaforma. Durante un volo Aeroflot nel settembre 1984, l’equipaggio e i passeggeri videro un’enorme “stella” gialla che proiettava un raggio di luce verso il suolo, seguito da due raggi meno vividi. Il grande raggio si girò e proiettò dritto nella cabina dell’aeromobile mentre l’oggetto correva verso l’aereo, trasformandosi in una “nuvola verde”. Il controllo a terra di Minsk è stato contattato ma il controllore del traffico aereo non ha potuto vedere nulla sullo schermo radar. L’oggetto si spostò lungo l’aereo. Luci multiple di colori diversi e zigzag infuocati attraversavano il “vapore”. A questo punto il controllore di terra potrebbe vedere lo spettacolo di luci. L’oggetto ha quindi iniziato a cambiare forma quasi a imitare l’aereo. Ha sviluppato un’appendice e poi è diventato un “velivolo ad ala senza ali con una coda appuntita”. Un altro aereo di linea ha visto anche la strana nuvola verde, così come i controllori di Riga e Vilnius. La “nuvola” continuò a scortare l’aereo per oltre un’ora finché non cominciò a scendere per atterrare a Tallinn. Stranamente, il radar di avvicinamento a Tallinn aveva individuato due “blip” che seguivano l’aereo, e mentre questi bersagli rimanevano “solidi”, il riflesso radar dell’aeromobile continuava a spegnersi e spegnersi! L’altro aereo di linea si era avvicinato all’UFO, che ha sparato un raggio di luce che ha colpito i due piloti. Alcuni giorni dopo, uno di loro fu portato in ospedale, dove morì in seguito a una malattia simile al mieloma, il tumore del midollo osseo. Una malattia simile ha reso l’altro pilota invalido per la vita.(40)

Se gli UFO fossero oggetti ordinari e tangibili, dovrebbero essere visti mentre percorrono dritti percorsi di volo su distanze considerevoli, ma ci sono pochi casi in cui ciò si è verificato. Invece, sembrano spesso apparire bruscamente, manovrare in un’area localizzata, poi improvvisamente scomparire dalla vista o dagli schermi radar. Come illustrato nel caso precedente, è stato anche osservato che cambia forma. La loro improvvisa apparizione e scomparsa sono talvolta accompagnate da un lampo di luce o un’esplosione. In alcuni casi gli UFO (e le entità UFO) svaniscono senza un suono, suggerendo che non sono fenomeni fisici ordinari, poiché altrimenti la loro scomparsa creerebbe un vuoto parziale e produrrebbe un rumore. In un caso, l’analisi di una videocassetta della scomparsa di un velivolo ha mostrato che in realtà ha accelerato quasi istantaneamente a diverse volte la velocità del suono, facendolo diventare invisibile all’occhio.(41) Tuttavia, a volte sembra che la materializzazione e la smaterializzazione siano implicate.

In un incidente, un uomo ha visto un disco sospeso librarsi improvvisamente in alto, farsi più piccolo e svanire, accompagnato da una raffica di vento che lo ha buttato a terra. In un altro, il capo di una squadra di lavoratori edili incontrò un uomo dall’aspetto strano in piedi di fronte a una grande cupola splendente che fluttuava a circa 3 piedi da terra. All’improvviso lo strano uomo svanì. Poi si udì un forte fischio e il disco si alzò di scatto, prima di essere cancellato in una sorta di foschia blu. La storia fu corroborata da molti operai edili.(42) Nell’ottobre 1969 una coppia francese vide un oggetto a forma di ovale sul terreno, delle dimensioni di un Maggiolino Volkswagen, che si sollevò, si fermò brevemente, poi scomparve a una velocità incredibile, volando via tra gli alberi e passando attraverso di loro come se non esistessero.(43)
[continua]

 

Igno-Rando

 

Riferimenti bibliografici
1. Jacques F. Vallee, ‘Five arguments against the extraterrestrial origin of unidentified flying objects’, Journal of Scientific Exploration, v. 4, 1990, pp. 105-17; Robert M. Wood, ‘The extraterrestrial hypothesis is not that bad’, Journal of Scientific Exploration, v. 5, 1991, pp. 103-11; Jacques Vallee, ‘Toward a second-degree extraterrestrial theory of UFOs: a response to Dr. Wood and Prof. Bozhich’, Journal of Scientific Exploration, v. 5, 1991, pp. 113-20.
2. See Life on other worlds, http://davidpratt.info.
3. Jacques Vallee, Revelations: Alien contact and human deception, New York: Ballantine Books, 1991, p. 265.
4. Jacques Vallee, Passport to Magonia: On UFOs, folklore, and parallel worlds, Chicago, IL: Contemporary Books, 1993 (1969), p. 244; Kevin Randle and Russ Estes, Faces of the Visitors: An illustrated reference to alien contact, New York: Fireside, 1997, p. 271.
5. Jacques Vallee, Dimensions: A casebook of alien contact, New York: Ballantine Books, 1989, p. 240.
6. Richard L. Thompson, Alien Identities: Ancient insights into modern UFO phenomena, Alachua, FL: Govardhan Hill Publishing, 2nd ed., 1995, pp. 309-15.
7. Charles F. Emmons, At the Threshold: UFOs, science and the new age, Mill Spring, NC: Wild Flower Press, 1997, p. 10.
8. Dimensions, p. 158.
9. Ibid., pp. 202-3, 140, 253.
10. Jacques Vallee, Confrontations: A scientist’s search for alien contact, London: Souvenir Press, 1990, pp. 143-4, 152.
11. Illobrand von Ludwiger, Best UFO Cases – Europe, Las Vegas: NV, National Institute for Discovery Science, 1998, pp. 154-8.
12. Dimensions, pp. 243, 257.
13. Kenneth Ring, The Omega Project: Near-death experiences, UFO encounters, and mind at large, New York: William Morrow and Company, 1992, pp. 218-46; Michael Grosso, Frontiers of the Soul: Exploring psychic evolution, Wheaton, IL: Quest, 1992, pp. 204-24; T. Peter Park, ‘Reading the strangeness: second order anomalies’, The Anomalist, no. 8, 2000, pp. 85-110.
14. Alien Identities, p. 168.
15. Martin Kottmeyer, ‘UFO flaps’, The Anomalist, no. 3, 1995/96, pp. 64-89.
Riferimenti bibliografici (per la parte relativa a Tra vari UFO. Capire i parametri fisici. )
16. Dennis Stacy and Patrick Huyghe, The Field Guide to UFOs: A classification of various unidentified aerial phenomena based on eyewitness accounts, New York: Quill, 2000, pp. 17-8.
17. Jacques Vallee, UFO Chronicles of the Soviet Union: A cosmic samizdat, New York: Ballantine Books, 1992, pp. 28-9.
18. John Spencer, Gifts of the Gods? Are UFOs alien visitors or psychic phenomena?, London: Virgin, 1994, pp. 87-8.
19. Charles F. Emmons, At the Threshold: UFOs, science and the new age, Mill Spring, NC: Wild Flower Press, 1997, pp. 163-4; The Field Guide to UFOs, p. 145.
20. Lyall Watson, Lifetide: A biology of the unconscious, London: Coronet, 1980, p. 271.
21. Brad Steiger, Mysteries of Time and Space, West Chester, PA: Whitford Press, 1989, pp. 102-3.
22. P.A. Sturrock et al., ‘Physical evidence related to UFO reports: the proceedings of a workshop held at the Pocantico Conference Center, Tarrytown, New York, September 29 – October 4, 1997’, Journal of Scientific Exploration, v. 12, 1998, pp. 179-229.
23. Bruce Maccabee, ‘Atmosphere or UFO? A response to the 1997 SSE Review Panel report’, Journal of Scientific Exploration, v. 13, 1999, pp. 421-59.
24. Illobrand von Ludwiger, Best UFO Cases – Europe, Las Vegas: NV, National Institute for Discovery Science, 1998, pp. 93-124.
25. Richard F. Haines, ‘Analysis of a UFO photograph’, Journal of Scientific Exploration, v. 1, 1987, pp. 129-47; Bruce Maccabee, ‘Analysis and discussion of the images of a cluster of periodically flashing lights filmed off the coast of New Zealand’, Journal of Scientific Exploration, v. 1, 1987, pp. 149-90; Richard F. Haines and Jacques F. Vallee, ‘Photo analysis of an aerial disc over Costa Rica: new evidence’, Journal of Scientific Exploration, v. 4, 1990, pp. 71-4; Bruce Maccabee, ‘Analysis and discussion of the May 18, 1992 UFO sighting in Gulf Breeze, Florida’, Journal of Scientific Exploration, v. 7, 1993, pp. 241-57; Pierre Guérin, ‘A scientific analysis of four photographs of a flying disk near Lac Chauvet (France)’, Journal of Scientific Exploration, v. 8, 1994, pp. 447-69.
26. Timothy Good, Beyond Top Secret: The worldwide UFO security threat, London: Sidgwick & Jackson, 1996, pp. 441-5, plates (pp. 414/5); UFO Adamski footage analysis: www.youtube.com/watch?v=EttKw7ROGN8; UFO – George Adamski footage debunked: www.youtube.com/watch?v=1M_ADHmPl7s.
27. Ann Druffel, Robert M. Wood and Eric Kelson, ‘Reanalysis of the 1965 Heflin UFO photos’, Journal of Scientific Exploration, v. 14, 2000, pp. 583-622.
28. Richard L. Thompson, Alien Identities: Ancient insights into modern UFO phenomena, Alachua, FL: Govardhan Hill Publishing, 2nd ed., 1995, pp. 28-9, 212-3.
29. Bruce Maccabee, ‘Optical power output of an unidentified high altitude light source’, Journal of Scientific Exploration, v. 13, 1999, pp. 199-211; Jacques F. Vallee, ‘Estimates of optical power output in six cases of unexplained aerial objects with defined luminosity characteristics’, Journal of Scientific Exploration, v. 12, 1998, pp. 345-58.
30. Beyond Top Secret, pp. 117-9; Jean-Jacques Velasco, ‘Report on the analysis of anomalous physical traces: the 1981 Trans-en-Provence UFO case’, Journal of Scientific Exploration, v. 4, 1990, pp. 27-48; Jacques F. Vallee, ‘Return to Trans-en-Provence’, Journal of Scientific Exploration, v. 4, 1990, pp. 19-25.
31. Jacques F. Vallee, ‘Physical analyses in ten cases of unexplained aerial objects with material samples’, Journal of Scientific Exploration, v. 12, 1998, pp. 359-75; Peter A. Sturrock, ‘Composition analysis of the Brazil magnesium’, Journal of Scientific Exploration, v. 15, 2001, pp. 69-95; Best UFO Cases – Europe, pp. 61-9.
32. Alan Watts, UFO Quest: In search of the mystery machines, London: Blandford, 1994, p. 14; Beyond Top Secret, pp. 122-4.
33. Trevor J. Constable, The Cosmic Pulse of Life: The revolutionary biological power behind UFOs, Garberville, CA: Borderland Sciences Research Foundation, 2nd ed., 1990, pp. 453-7.
34. Albert Rosales, ‘The strangest of the strange’, The Anomalist, no. 12, 2006, pp. 145-59.
35. Jacques Vallee, Confrontations: A scientist’s search for alien contact, London: Souvenir Press, 1990, pp. 112-39, 199-226.
36. The Field Guide to UFOs, pp. 150-1.
37. The Cosmic Pulse of Life, pp. 345-69.
38. The Cosmic Pulse of Life, p. 359.
39. The Field Guide to UFOs, pp. 110-1.  40. UFO Chronicles of the Soviet Union, pp. 82-5.
41. Jenny Randles, The UFO Conspiracy: The first forty years, New York: Barnes & Noble, 1993, pp. 115-7; Beyond Top Secret, pp. 248-50.
42. ufoevidence.org; youtube.com.
43. ufoevidence.org.

 

Leggi anche il nostro articolo: Impiego della tecnologia fac simile E.T. in campo militare

Link esterno: https://www.focus.it/Le dimensioni nascoste dell’universo

Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.