La Luce pervade

Spread the love

Siete mai andati fuori nella notte e guardare le stelle? Io si e mi chiedevo che cosa c’è in tutto lo spazio tra una stella e l’altra! Voi no? I primi Toltechi si sono posti questa domanda, e si sono resi conto che lo spazio tra le stelle è in uno stato pieno di luce.  Ci si potrebbe chiedere: “Come può essere? E’ così buio là fuori”. I maestri antichi Toltechi, credevano che se si mette un oggetto nel vuoto, questo verrebbe colpito in tutti i lati dalla luce proveniente da ogni direzione, e quindi, da ogni stella nell’universo!

Ogni stella è un sole, e invia luce in ogni direzione. L’universo è pieno di luce prodotta da innumerevoli soli.

Avete mai visto una di quelle illustrazioni che mostrano come un atomo, con gli elettroni ruotano attorno al nucleo?  Sembra un po’ come i pianeti ruotano intorno al sole, con uno spazio vuoto in mezzo!  La fisica moderna insegna che niente in questo universo è in realtà molto solido, e questo è esattamente ciò che i vecchi maestri videro.

I maestri antichi Toltechi non conoscevano gli atomi e gli elettroni, ma sapevano quello che è stato poi dimostrato dalla scienza moderna.  Sapevano che quello che sembrava essere solido era solo un’illusione della mente umana, e che la materia fisica dell’universo era aperta e vuota come il cielo notturno. Inoltre, hanno capito che lo spazio tra tutte le piccole particelle di materia nell’universo fisico è pieno di luce.

6406791143_b2b5574ea0Quando i Toltechi videro che anche i loro corpi erano fatti di minuscole stelle, circondate soprattutto da spazio pieno di luce, hanno anche riconosciuto qualcosa di molto sorprendente: “Hanno visto che non vi è alcun confine tra i loro corpi e qualsiasi altro oggetto”. Non c’è luogo in cui un oggetto fisico si ferma e ne riparte un altro, perché niente è solido e tutto è riempito con la stessa luce.

Gli alberi, le rocce e gli uccelli sono pieni di luce, l’aria è piena di luce, lo spazio è pieno di luce, ed è tutta la stessa luce. L’universo è fatto di piccoli pezzi di materia, sospesi in un campo di luce. Il tuo corpo è pieno di luce. Noi siamo per lo più luce!

La luce che si vede con gli occhi è una fascia molto ristretta di tutto lo spettro di energia che vibra in questo universo. Se si potesse cambiare solo un po’ di una vibrazione diversa, si sarebbe venuto a trovare una banda infrarossa dello spettro, ma che non sarebbe stata in grado di essere vista coi nostri occhi. Ci sono anche i raggi X, raggi gamma, segnali dei cellulari, e una gamma incredibile di “luce” che non potete vedere con i vostri occhi. Ogni ricevitore è progettato per “vedere” una parte diversa dello spettro, se si tratta di un telefono cellulare riceve una chiamata o un occhio umano vedere la bellezza in un fiore.

Le onde radio sono anche una forma di luce.  Se noi fossimo in grado di avvertire tutte le onde radio che passano attraverso di noi, come la luce, sarebbe il caos assoluto. Potete immaginarlo? La nostra testa diventerebbe come un tavolo da ping-pong,in un evento sportivo trasmesso da un talk show! Una radio che riceve la luce a frequenze radio ha un sistema per scegliere una frequenza tra le centinaia che passano attraverso tutto ciò per tutto il tempo. È anche possibile ricevere i segnali in un edificio, perché la luce in forma di onde radiofoniche possono passare attraverso le pareti.

 Se si ha difficoltà a immaginare che l’universo non è solido, ma è fatto di luce, non ci dobbiamo preoccupare. La vostra mente ha creduto alla versione “solida” per lungo tempo, e verrà senza dubbio turbata da questa nuova possibilità. E’ bene lasciare la vostra mente a rilassarsi con questa idea per un po’.

La luce non cambia mai o modifica il messaggio che sta portando. Che si tratti di un segnale radio, o di luce visibile riflessa da un pianeta lontano, la luce è un messaggero perfetto.

Quando i Toltechi videro che la luce era ovunque nel creato, hanno capito che si trattava di una parte vivente del cosmo. La luce è il messaggero che porta il messaggio della creazione in tutte le parti dell’universo. Hanno chiamato questo messaggero “nagual” e le parti fisiche dell’universo “tonale”. La maggior parte della gente pensa se stessi come parte dell’universo fisico, e si identificano con la Tonale.

Quando qualcuno si sveglia e vede che l’universo è fatto di luce, e si identifica come quella luce, la persona è chiamata Nagual. I grandi maestri Toltechi del passato e del presente incarnano questa verità, e sono indicati come Nagual. Questi maestri possono o non possono scegliere di accettare apprendisti e studenti per guidarli nella liberazione dal loro sogno di un universo solido.

 

Igno-Rando

Bookmark the permalink.

Comments are closed.